Una attenta analisi di tutte le garanzie emesse da Rolex è possibile conoscere meglio tutta la loro evoluzione storica, dalle primissime e poco reperibili certificazioni cartacee degli inizi fino alle più recenti card plastificate. Anni ’30 Tra le prime garanzie Rolex disponibili c’è un modello del 1934 rilasciato dall’Official Controlment Offices for the rating of watches di Bienne, La Chaux-de-fonds, Le Locle e St-Imier in Svizzera. Il documento è numerato e riporta il numero di movimento dell’orologio, il modello (in questo caso Prince Impérial) e alcune caratteristiche tecniche.In fondo alla pagina  è riportato il timbro del Contrôle officiel de la marche des montres e sulla destra la data e la firma del direttore. Sul retro della garanzia è illustrato il regolamento che l’organo di controllo svizzero segue per sottoporre gli orologi a test di qualità e precisione. Per alcuni orologi è prevista un’ulteriore dicitura: “Especially good time results”Un altro esempio di garanzia Rolex risale all’8 luglio 1943 ed è relativo al Lotto 311 (referenza 3525) detto “Monoblocco”. A questo orologio è legata una storia molto particolare poiché il suo possessore, il Caporale Clive James Nutting, l’ha ricevuto (con possibilità di saldarlo dopo la guerra)  mentre era prigioniero nello Stalag Luft III, un campo di prigionia tedesco di massima sicurezza.

Iniziano negli anni 50 ad uscire le prime garanzie fatte di particolari  Garanzia Rolex

L’orologio è corredato di ricevuta originale con indicato il numero di referenza e il numero di cassa, garanzia originale numerata e di un’importante corrispondenza tra il Caporale Nutting e il fondatore della Rolex Hans Wilsdorf. Anni ’50  Le garanzie Rolex degli anni Cinquanta sono strutturate come un libretto a più pagine ed hanno delle dimensioni notevoli, soprattutto se paragonate a quelle successive. La garanzia vera e propria occupa la parte centrale del libretto dove, in uno spazio apposito, si inserisce a penna il numero di serie dell’orologio. Le altre pagine contengono le principali caratteristiche tecniche della casa produttrice e alcune istruzioni su un corretto utilizzo dell’orologio. L’ultima pagina invece spetta al rivenditore autorizzato per apporre il proprio timbro. Pochi anni dopo la garanzia si presenta in un nuovo formato proporzionato in maniera differente, ma sempre di grandi dimensioni. Nelle prime pagine compare il “sigillo rosso” a certificare la precisione dei meccanismi Rolex e alcuni cenni storici sulla casa coronata. La parte centrale spetta al numero di matricola dell’orologio mentre le ultime pagine elencano le istruzioni ed alcuni primati della casa madre. Con la fine degli anni Cinquanta fa la sua comparsa un modello di garanzia Rolex che sarà utilizzato fino ai primi anni del decennio successivo.

Negli anni 70 progrediscono notevolmente le garanzie  Garanzia Rolex

Si tratta di una garanzia ridimensionata con un foglio ripiegato in tre parti e il certificato di originalità in prima pagina. Restano le istruzioni per l’uso, i cenni storici e in aggiunta viene inserito un elenco dei punti vendita più importanti  anni ’60  Agli inizi degli anni Sessanta Rolex inizia a stampare garanzie con i numeri di matricola traforati, che diventeranno lo standard per gli anni a seguire, fatta eccezione per alcune garanzie stampate negli Stati Uniti che riportano ancora le cifre scritte a penna. La garanzia emessa dalla maison svizzera torna ad un’impaginazione a libretto, pur riportando le caratteristiche precedenti. Gradualmente a metà degli anni Sessanta le garanzie Rolex comprendono un nuovo libretto, “Your Rolex Oyster” (Il vostro Rolex Oyster) tradotto nella lingua del paese di distribuzione. La copertina è bianca e all’interno sono contenuti cenni storici, innovazioni tecniche della casa produttrice e istruzioni per l’uso.

Link Utili:

Una definizione dell’argomento Rolex Usati Milano data dalla famosa enciclopedia on line. (Wikipedia)